Attenzione al canone RAI in bolletta - rischio pagamento arretrati.

A partire dal 1° gennaio 2016, è stato introdotto il pagamento del canone Rai con la bolletta della luce.

Attenzione però che ciò non costituirà una sanatoria per le evasioni degli anni precedenti.

Potrebbe anche essere l’occasione per il Fisco per pretendere la riscossione degli anni arretrati.

Il pagamento della bolletta della luce, infatti, con la maggiorazione per il canone, sarà una sorta di autodenuncia e di ammissione del debito.

La nuova legge, opera una “presunzione automatica” di possesso della tv per quanti hanno anche un contratto di abbonamento all’energia elettrica.

Si presume quindi la debenza dell’imposta e sarà il contribuente a dimostrare il contrario.

Detta presunzione, che scatta già solo per previsione normativa, potrà essere vinta (in modo da non pagare il canone Rai) mediante prova contraria fornita dall’utente o attraverso una sua autocertificazione.

Lo Studio Legale Caruso ha predisposto una guida per il contribuente e una dichiarazione da presentare all'Agenzia delle Entrate.

Attenzione quindi, perché la richiesta di arretrati potrà spingersi ai 10 anni anteriori.